Immagina che la nazionale jugoslava esista ancora

Immagina che la nazionale jugoslava esista ancora

Per l'attuale generazione millenaria, potrebbe essere estraneo al nome jugoslavo. Questo nome diversi anni fa era un nome temuto e persino molto rispettato come paese che produce i migliori talenti calcistici del mondo.

Plavi o l'esercito blu, come venivano chiamati, avevano molti grandi talenti in quel momento. Dragan Daji, Branko Zebec e Zvonimir Boban sono i loro protagonisti. Oltre ad essere rafforzato da talenti talentuosi, Plavi gioca anche un calcio bello e attraente. Questo è ciò che gli ha procurato il soprannome di Brasile d'Europa.

Continua a leggere...

Tuttavia, ora la Jugoslavia è stata divisa in diversi paesi. Anche Croazia, Serbia, Montenegro, Slovenia, Bosnia-Erzegovina e Macedonia, che sono stati che facevano parte della Jugoslavia, hanno un track record non male sulla scena europea e anche mondiale. Sembrano ereditare il talento dai maestri del calcio erano, vale a dire la Jugoslavia.

L'età d'oro

La Jugoslavia è stata fondata nel 1918, un paese nel sud-est del continente europeo. Hanno giocato la loro prima partita internazionale solo nel 1920. A quel tempo Plavi ha affrontato la Cecoslovacchia alle Olimpiadi estive di Anversa. A quel tempo hanno perso un grande 7-0.

A dieci anni dal loro primo incontro, fu nel 1930 che la Plavi cominciò a mostrare i canini. A quel tempo si stava svolgendo la prima Coppa del Mondo Uruguay. A quel tempo riuscirono a penetrare nelle semifinali del torneo, anche se alla fine dovettero perdere contro l'Uruguay che poi divenne Vincitore della Coppa del Mondo 1930.

Lentamente ma inesorabilmente, il viaggio del calcio jugoslavo iniziò a diventare una delle nuove potenze del calcio nel mondo. Anche gli anni '1960 erano considerati il ​​​​periodo di massimo splendore di Plavi.

Immagina che la nazionale jugoslava esista ancora
Fonte: thesefootballtimes

Nel 1960, per la precisione agli Europei del 1960, Plavi riuscì a diventare finalista del torneo. Hanno dovuto rinunciare all'Unione Sovietica 2-1 che era anche un paese diviso. Anche se era il loro primo torneo europeo.

Due anni dopo, per la precisione ai Mondiali del 1962, Plavi fu nuovamente battuto dalla Cecoslovacchia con il punteggio di 3-1 in semifinale. Sfortunatamente, nella lotta per il terzo posto, hanno dovuto perdere contro l'ospite, il Cile.

Nel frattempo, agli Europei del 1968, Plavi entra di nuovo in finale contro l'Italia. Avevano tenuto l'Italia 1-1 nella partita finale. Tuttavia, a quel tempo non c'erano tempi supplementari e rigori, quindi la partita si è ripetuta due giorni dopo. È un vero peccato, hanno dovuto perdere contro l'Italia ospitante con il punteggio di 2-0.

Fine del viaggio

Nel 1992, anno in cui si disputò la Coppa dei Campioni 1992, Plavi, che avrebbe dovuto disputare il campionato, dovette rinunciare al suo sogno. Sono stati squalificati e poi sostituiti da Danmark che si è piazzato secondo nel girone preliminare.

A quel tempo nel 1992 c'era una guerra balcanica. La guerra che provocò la disgregazione della Jugoslavia in più stati secondo le loro caratteristiche culturali, religiose ed etniche.

Immagina che la nazionale jugoslava esista ancora
Fonte: FourFourTwo

Le Nazioni Unite hanno vietato la partecipazione degli sportivi jugoslavi ai campionati internazionali. A parte questo, a causa della guerra, la situazione era fuori controllo ed era in pessime condizioni.

Sostituiscili dentro Euro 1992, la Danimarca alla fine ha sorpreso tutti. Perché sono riusciti a diventare campioni del torneo anche con una preparazione minima, 10 giorni prima della Coppa dei Campioni del 1992.

Se la situazione in Jugoslavia non fosse scoppiata in guerra o fosse andata bene, non c'era modo che Plavi avrebbe vinto il torneo. Immagina, a quel tempo Plavi è stato rafforzato da Dejan Savićević, Siniša Mihajlović, Davor Šuker a Zvonimir Boban. Inoltre, nel 1991 il club jugoslavo Stella Rossa Belgadre riuscì a vincere la Coppa dei Campioni e la Coppa Intercontinentale.

La Jugoslavia è finalmente ufficialmente "scomparsa" nel 2002. Ormai si era divisa in paesi come Serbia, Croazia, Montenegro, Slovenia, Bosnia, Macedonia del Nord e Kosovo.

Progresso ex jugoslavo

Parlare dell'ex paese di maggior successo dalla disgregazione della Jugoslavia è ovviamente fisso sulla Croazia. Perché la Croazia è il paese con il maggior "risultato" tra altri paesi come Serbia, Montenegro, Slovenia, Bosnia, Macedonia del Nord e Kosovo.

Immagina che la nazionale jugoslava esista ancora
Fonte: Youtube FIFA

La Croazia è riuscita sorprendentemente a diventare seconda Coppa del Mondo 2018 prima di essere finalmente sconfitto dalla Francia nel turno finale. Naturalmente, questo risultato è prima di tutto una benedizione dei loro antenati. Perché la Jugoslavia era un paese molto temuto in Europa e persino nel mondo.

Pertanto, non è più sorprendente se in seguito ci sarà un paese frazionario ex jugoslavo che scuoterà il mondo come la Croazia in Coppa del Mondo 2018. Perché hanno il DNA di talento dei loro antenati in Jugoslavia.

Se supponiamo che la Jugoslavia esista ancora e stia addirittura giocando Coppa del Mondo Questo 2022, quindi questa è la migliore formazione jugoslava del 2022 che verrà portata in Qatar.

Immagina che la nazionale jugoslava esista ancora

Addio!

Related posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *