Il Portogallo e la generazione sconosciuta

Il Portogallo e la generazione sconosciuta

Il Portogallo è uno dei tanti paesi su cui non si conta davvero per andare oltre nella Coppa del Mondo 2022. Anche solo per andare in Qatar, il Portogallo deve passare attraverso il spareggio Qualificazione della zona europea. Perché sono arrivati ​​secondi solo nella classifica del Gruppo A nelle qualificazioni ai Mondiali della zona europea, sotto la Serbia.

In performance sulla scena Coppa del Mondo, Il Portogallo ha contato noob. Il loro miglior risultato è solo essere terzo posto ai Mondiali 1966, che fu anche l'esordio del Portogallo ai mondiali.

Continua a leggere...

Nel frattempo, 4 edizioni Coppa del Mondo dopo di che il Portogallo non è riuscito a qualificarsi. Sono rientrati nella Coppa del Mondo 1986 e sono finiti nella fase a gironi. Proprio come prima, la loro 3a edizione non si qualificò di nuovo.

Tuttavia, entrando negli anni 2000, il Portogallo è sempre arrivato alla coppa del mondo. Delle 5 edizioni della coppa del mondo, il loro miglior risultato è stato solo il quarto posto ai Mondiali del 2006. Per il resto, hanno raggiunto solo gli ottavi di finale.

Generazione d'oro

All'inizio degli anni 2000, il Portogallo aveva generazione d'oro che doveva essere l'anno del Portogallo. Dal 2000 al 2006, la rosa del Portogallo comprendeva molti fuoriclasse come Rui Costa, João Pinto, Paulo Sousa, Costinha, Ricardo Carvalho, Luís Figo, Nuno Gomes, Pauleta, Deco e Simão.

La Coppa dei Campioni nel 2000 è stata l'inizio dello splendore di questa generazione. In quel torneo, il Portogallo riuscì ad avanzare in semifinale prima di essere sconfitto dalla Francia che alla fine vinse.

Nel frattempo, alla Coppa dei Campioni del 2004, il Portogallo ha tirato di nuovo e ha quasi conquistato il campionato. Tuttavia, nel partito di vertice, coloro che avevano lo status di paese ospitante sono stati effettivamente sconfitti da un paese che non era nemmeno candidato a un rapido progresso, vale a dire la Grecia.

È stata davvero un'anomalia per la generazione d'oro del Portogallo alla Coppa dei Campioni del 2004. A quanto pare, giocare di fronte a un pubblico da solo non è stato sufficiente per far vincere il titolo al Portogallo. Dovevano essere sconfitti da una fenomenale squadra di cavalli oscuri in quel momento, la Grecia.

Il Portogallo e la generazione sconosciuta
Fonte: 90 min

La speranza della generazione d'oro del Portogallo è tornata sul tappeto Coppa del Mondo 2006. Con una squadra generazionale che è invecchiata, ovviamente puntano all'oro nel torneo, perché non c'è più tempo per quelle generazioni d'oro di poter rendere orgoglioso il Portogallo.

È un vero peccato, hanno dovuto essere sconfitti in semifinale dal campione, la Francia. La sofferenza è continuata nella lotta per il terzo posto, sono stati eliminati dalla Germania ospitante. Alla fine si sono dovuti accontentare del “quarto posto”.

Alla fine, questa generazione d'oro del Portogallo non è davvero "oro". Perché Figo et al. non poteva portare il Portogallo ha vinto il titolo.

La nuova era

Dopo la fine dell'era della generazione d'oro del Portogallo negli anni 2000, ora arriva una nuova era d'oro del Portogallo. Questa era è stata guidata dalla superstar Cristiano Ronaldo. Insieme al maestro, il Portogallo ha finalmente vinto due tornei internazionali.

Anche con una squadra che non è molto d'oro, Ronado et al. possono dimostrare che il lavoro collettivo insieme al loro fattore fortuna può ripagare.

Il Portogallo e la generazione sconosciuta
Fonte: Sky Sport

Proprio alla Coppa dei Campioni del 2016. Il Portogallo è arrivato in Francia non con lo status di una squadra che avrebbe dovuto diventare un campione. Anche il Portogallo nella fase a gironi ha intascato solo 3 punti dai risultati di 3 partite, e all'epoca era solo terzo dietro Ungheria e Austria.

Si sono qualificati per gli ottavi di finale dopo essere riusciti a classificarsi al terzo posto su 16 paesi membri del terzo miglior gruppo in classifica. Anche così, hanno solo una differenza reti di solo 6.

Negli ottavi di finale ha battuto la Croazia ai supplementari. Poi ha battuto la Polonia ai rigori nei quarti di finale. Batti il ​​Galles in semifinale. E sorprendentemente ha battuto la Francia in finale ai supplementari con un punteggio ristretto di 16-0.

Anche il Portogallo ha vinto di nuovo il torneo della National League nel 2019 dopo aver battuto l'Olanda in finale con un punteggio ristretto di 1-0.

La squadra scomparsa

su Coppa del Mondo Nel 2022, Fernando Santos ha effettivamente una rosa migliore in termini di qualità rispetto agli anni precedenti. Forse quest'anno può essere definita una nuova era della nascita del Portogallo.

Sotto la guida del maestro Ronaldo, ci sono molti giovani potenziali in ogni linea di posizioni che sono in crescita. Chiamalo Diogo Costa sotto la traversa. Nel settore della difesa ci sono giocatori giovani come Antonio Silva e Diogo Dalot che sono guidati da anziani come Pepe e Cancelo.

La posizione a centrocampo è la stessa, ci sono fuoriclasse come Rúben Neves, Bernardo Silva, Bruno Fernandes e il potenziale giovane Vitinha. Sul fronte ci sono giovani potenziali come Rafael Leão, João Félix e Gonçalo Ramos che saranno allenati direttamente da Cristiano Ronaldo.

Tuttavia, c'è una cosa che potrebbe inquietare il Portogallo in seguito. Proprio il problema viene dalla loro mega star, Cristiano Ronaldo. Dopo l'entusiasmante intervista di Ronaldo con Piers Morgan la scorsa settimana, improvvisamente il mondo intero ha parlato del rapporto di Ronaldo con il suo club, il Manchester United.

Anche le ultime notizie mostrano che Ronaldo e il Manchester United sono d'accordo risolvere il contratto in via amichevole.

Il Portogallo e la generazione sconosciuta
Fonte: www.manutd.com

Per la troupe dei media, ovviamente, questo genere di cose è ciò che continuano a sollevare, piuttosto che discutere la profondità della squadra portoghese, che ha effettivamente dato vita a una nuova generazione. Tuttavia, potrebbe essere così Coppa del Mondo L'ultimo di Ronaldo prima del ritiro.

Certo, è solo il modo in cui Fernando Santos controlla l'atmosfera dello spogliatoio portoghese. Se saprà controllare e separare i problemi personali da quelli della nazionale, non è impossibile che emerga un nuovo spirito all'interno della rosa del Portogallo.

Questo nuovo entusiasmo può emergere anche per i colleghi di Ronaldo in Portogallo. dovrebbero essere in grado di consegnare il primo trofeo Coppa del Mondo per Ronaldo, che potrebbe presto finire la sua carriera.

Addio!

Related posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *