La generazione d'oro che non ha ottenuto "l'oro"

La generazione d'oro che non ha ottenuto "l'oro"

Parlando della generazione d'oro, negli ultimi anni abbiamo visto il Belgio come uno dei paesi la cui generazione d'oro si sta rafforzando. Questa generazione d'oro belga è apparsa per la prima volta negli anni '1980.

A quel tempo, il Belgio arrivò alla finale della Coppa dei Campioni del 1960, ma fu battuto dalla Germania Ovest al vertice della festa. Dopo di che, il Belgio è arrivato Coppa del Mondo Il 1986 è stato in grado di avanzare alle semifinali.

Continua a leggere...

A quel tempo, sono stati rafforzati da diversi attori chiave come Hugo Broos, Jan Ceulemans, Eric Gerets, a Jean-Marie Pfaff. Il loro status in quel momento è stato effettivamente preso in considerazione. Anche mentre entrava Coppa del Mondo 1986 dopo essersi qualificati con successo per il girone, sono stati in grado di battere l'Unione Sovietica contro la Spagna.

Purtroppo hanno dovuto essere battuti dall'Argentina in semifinale, momento in cui l'Argentina ha vinto anche il campionato. Anche il Belgio in quel periodo dovette accontentarsi del quarto posto dopo essere stato sconfitto dalla Francia nella corsa al terzo posto.

Ma questo risultato è storia per il calcio belga. Prima che potessero finalmente andare oltre Coppa del Mondo 2018

Grande revisione

L'emergere della generazione d'oro in quel momento deriva dall'ansia per i risultati del calcio belga mediocre. Dagli anni '1980, i progressi del Belgio sulla scena internazionale sembravano essere ignorati dagli oppositori.

All'inizio degli anni 2000, il capo della federazione calcistica belga, Michel D'Hooghe, nominò Michael Sablon direttore sportivo della federazione per iniziare a riformare il calcio belga. Questa è stata la conseguenza del fallimento e il punto più basso del calcio belga a Euro 2000.

La generazione d'oro che non ha ottenuto "l'oro"
Fonte: Bleacherreport

Attraverso le fredde mani di Sablon, il primo passo che ha fatto è stato quello di osservare e imparare molto dai paesi vicini che all'epoca avevano successo. Prima ha studiato in Francia, che a quel tempo era davvero vittoriosa dopo aver vinto Coppa del Mondo 1998 ed Euro 2000.

I risultati della generazione d'oro della Francia sono dovuti al sistema di educazione sportiva, ai programmi dell'accademia calcistica e alle tecniche di allenamento. Tutto ciò grazie al contributo di un direttore tecnico francese, Gerard Houllier. Da allora, Sablon ha continuato a studiare con Houllier.

Oltre ad andare in Francia, Sablon ha studiato anche nei Paesi Bassi. C'era un maestro del calcio di nome Johan Cruyff. Insieme a Cruyff, Sablon ha imparato molto sullo sviluppo individuale e sulle tattiche di gioco. Inoltre, a quel tempo gli olandesi se la cavavano bene nel suonare il cosiddetto stile di gioco Calcio totale.

Base 4-3-3

Dopo aver imparato molto, Sablon ha finalmente optato per lo standard del gioco di sviluppo della prima infanzia belga con una formazione 4-3-3. Ma prima, Sablon ha collaborato con varie università per condurre ricerche. Lui e il suo team hanno analizzato almeno 1500 video di partite di varie fasce d'età.

Analizzano le abilità passaggio, dribbling, incrocio e altri. Oltre a ciò, Screen Printing analizza anche la psicologia e la mentalità dei giocatori. Il processo di analisi di Sablon è piuttosto dispendioso in termini di tempo, almeno 2,5 anni e mezzo a fare tutto questo prima che decidesse di utilizzare la formazione di base 4-3-3.

"Il 4-3-3 è molto importante per affinare i futuri giocatori", ha detto Sablon. “Il valore di un diverso sistema di gioco e del 4-3-3 sarà il più efficiente, perché hai quattro parallele in difesa, un triangolo difensivo e offensivo a centrocampo, un attaccante e due ali, il dribbling degli avversari è molto importante. importante." Collegare la serigrafia come citato Bleacher Report.

Inoltre, all'interno di ogni fascia d'età, la serigrafia ha il proprio programma. Ad esempio, il gruppo U-8 ha imparato a dribblare, il gruppo U-12 ha imparato i passaggi corti e il gruppo U-13 ha imparato solo le tattiche. Anche i giochi sono diversi, partendo da 3 contro 3 fino a 5 contro 5 poi 8 contro 8 fino a 11 contro 11.

Il lungo viaggio di Sablon ha richiesto anche 6,5 anni per rendere il suo curriculum utilizzato in tutto il Belgio. Ha anche fatto presentazioni a scuole e accademie in tutto il Belgio, che contavano più di 200 scuole o accademie.

Ora Sablon è diventato una leggenda del calcio belga. Ma non è il direttore sportivo dal 2015. Tuttavia, il curriculum di serigrafia rimane un tesoro prezioso per il calcio belga.

Ultima possibilità

Dopo diversi anni di risultati da allenatore del Sablon, i risultati stanno iniziando a vedersi in diversi tornei internazionali. Sono nati giocatori come Courtois, Kompany, De Bruyne, Witsel, Hazard e Lukaku.

Di conseguenza, alla Coppa dei Campioni Under 17 del 2007, sono passati alle semifinali guidate da Hazard. L'anno successivo, gli Under 23 vinsero il bronzo insieme a Vincent Kompany, Thomas Vermaelen, Marouane Fellaini e Jan Vertonghen.

A livello senior, il Belgio è riuscito a qualificarsi per la Coppa del Mondo 2014 e ad avanzare ai quarti di finale. In precedenza avevano annullato la vittoria nella fase a gironi ed eliminato l'America agli ottavi. Ma nei quarti di finale si è arenato contro l'Argentina.

Nel frattempo, alla Coppa dei Campioni 2016, la mossa del Belgio è stata sventata dalla squadra a sorpresa del Galles nei quarti di finale. Anche se a quel tempo il Belgio aveva una grande possibilità di andare ancora oltre.

Non voglio tornare a casa prima, Pada Coppa del Mondo 2018 Il Belgio ha giocato con forza nella fase a gironi, frustrando drammaticamente il Giappone negli ottavi di finale, battendo il Brasile nei quarti di finale, ma è stato un peccato perdere contro la Francia in semifinale. Il Belgio ha finalmente potuto sorridere un po' quando è riuscito a conquistare il terzo posto battendo l'Inghilterra.

Alla Coppa dei Campioni del 2020, il Belgio ha nuovamente perso nei quarti di finale. Questa volta hanno perso contro i campioni d'Italia.

L'attuale generazione d'oro belga non è più giovane, in media ha circa 30 anni, ovviamente molti hanno superato il loro periodo di massimo splendore come giocatori. In Coppa del Mondo Il 2022, ovviamente, sarà la sede finale per dimostrare la generazione d'oro belga come risultato dell'educazione alla serigrafia.

La generazione d'oro che non ha ottenuto "l'oro"
Fonte: Marco

Bisognerà solo vedere come De Bruyne ei suoi compagni si integreranno con la nuova generazione nella squadra attuale. Le grandi aspettative superano sicuramente i risultati raggiunti Coppa del Mondo 2018

Ora però aspetta solo le mani fredde di un Roberto Martinez a guidare i suoi giocatori. SU Coppa del Mondo Nel 2022, il Belgio è nel Gruppo F con Marocco, Canada e Croazia.

È certamente facile per il Belgio qualificarsi dal girone, solo la fase a eliminazione diretta che è il test più importante del Belgio. Se il Belgio non può essere campione in Coppa del Mondo questa volta, potrebbero essere definiti la generazione d'oro che non poteva permettersi l'oro.

Addio!

Related posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *