Ostacoli in vista per il campione in carica della Coppa del Mondo

Ostacoli in vista per il campione in carica della Coppa del Mondo

Per un paese nel calcio, vincere la coppa del mondo è ciò che vogliono davvero tutti i cittadini. Ovviamente questa è un'affermazione che questo paese è il miglior paese negli affari calcistici internazionali.

Tuttavia, nel mondo del calcio, in particolare l'evento una volta ogni quattro anni, vale a dire la coppa del mondo, ha una storia interessante e unica sui campioni in carica. Se questo è chiamato un semplice mito o dati accurati sono affari tuoi.

Continua a leggere...

Ancora più importante, ci sono una serie di storie interessanti dei campioni in carica della coppa del mondo che hanno affrontato ostacoli così difficili, in particolare la mancata qualificazione per la fase a eliminazione diretta della prossima edizione della coppa del mondo.

Qui, quattro paesi che hanno vissuto cose brutte nell'edizione Coppa del Mondo poi quando sono riusciti a vincere il titolo nella precedente edizione negli ultimi sei mondiali.

 francese

Ai Mondiali del 1998, la Francia vinse per la prima volta i Mondiali. Nel round finale, Zidane et al. riuscì a rovesciare il campione favorito in quel momento, il Brasile. A quel tempo il Brasile fu sconfitto con un convincente punteggio di 0-3 grazie alla doppietta di Zidane e al gol di Petit.

Purtroppo, nell'edizione successiva, ovvero i Mondiali di Corea e Giappone del 2002, la Francia fallì miseramente. Dopo aver raccolto solo un punto dallo 0-0 contro l'Uruguay. Nel frattempo, le altre due partite sono state perse rispettivamente contro Senegal e Danimarca 0-1 e 2-0.

Ostacoli in vista per il campione in carica della Coppa del Mondo
Fonte: www.fifa.com

l'Italia

su Coppa del Mondo Nel 2006, l'Italia ha battuto la Francia ai rigori dopo un pareggio per 1-1 nei tempi regolamentari. Squadra di cura Marcello Lippi partito per la Germania con un pesante fardello dopo che diverse squadre di Serie A sono incappate nel caso Calciopoli.

Nell'edizione successiva, 2010 in Sud Africa, l'Italia si è infatti unita a un girone relativamente facile. A quel tempo, l'Italia si unì a Paraguay, Slovacchia e Nuova Zelanda nel Gruppo F.

A quel tempo l'Italia era bloccata in fondo alla classifica finale dopo essere riuscita a mettere insieme solo 2 punti in 3 partite. Pareggio contro Paraguay e Nuova Zelanda e sconfitta contro la Slovacchia.

Quel giorno, infatti, è diventato un incubo per gli italiani dopo che l'edizione precedente è stata in grado di aggiungere una stella d'oro al logo del loro calcio blasonato sul petto.

Ostacoli in vista per il campione in carica della Coppa del Mondo
Fonte: www.fifa.com

Spanyol

Questa squadra ha giocato molto bene quando ha vinto la Coppa del Mondo 2010. Giocando sotto la tutela di Vicente Del Bosque, La furia rossa è riuscito a battere l'Olanda con un punteggio di 1-0 grazie all'unico gol di Iniesta ai supplementari.

Nella classifica finale del girone B dei Mondiali 2014 in Brasile, la Spagna sembrava aver perso il suo modo di giocare dopo aver segnato solo 3 punti e si è classificata terza quindi non si è qualificata per la fase a eliminazione diretta.

A quel tempo, nella prima partita gli olandesi riuscirono finalmente a vendicare la sconfitta nell'edizione precedente con un punteggio convincente, 1-5 grazie all'iconico gol di Robin van Persie. Anche nella seconda partita la Spagna è stata nuovamente sconfitta dal Cile con il punteggio di 0-2. La Spagna ha potuto consolarsi solo con una vittoria per 0-3 contro l'Australia ed è riuscita a sedersi solo nella classifica del Gruppo B.

Anche se a prima vista la squadra spagnola in quel momento non era molto diversa dalla squadra precedente ai Mondiali del 2010. A quel tempo nucleo dalla Spagna sono ancora i due club giganti, Barcellona e Real Madrid.

Jerman

La Germania è la campionessa della Coppa del Mondo 2014. A quel tempo, la squadra era soprannominata Die Mannschaft è riuscito a rovesciare Messi et al. con un punteggio ristretto di 1-0 grazie a un gol sostituto, Mario Goetze.

A quel tempo, la squadra di Joachim Low partì per la Coppa del Mondo 2018 in Russia con chiede. Come no, il portiere è ancora fermo Manuel Neuer. Il settore dei difensori è il duo Boateng-Hummels. Gli organizzatori dell'attacco sono Ozil e Kross. Senza contare che davanti c'è Thomas Muller.

Peccato, la squadra stellata è riuscita ad appollaiarsi solo nell'ultima posizione della classifica finale del gruppo F. Insieme alla Svezia come vincitrice del girone, al Messico come secondo classificato e la Corea del Sud al terzo posto.

Nella prima partita la Germania ha sconfitto il Messico con un solo gol di Hirving Lozano. Nella seconda partita ha vinto in modo clamoroso con una punizione di Kross nel recupero contro la Svezia. Nel frattempo, nell'ultima partita, sono stati sorprendentemente sconfitti dalla Corea del Sud con due gol nei minuti finali.

Ostacoli in vista per il campione in carica della Coppa del Mondo
Fonte: www.dw.com

--------------------------------

Dei quattro paesi, solo il Brasile è riuscito a circumnavigare questo difficile ostacolo. Ai Mondiali del 2002, il Brasile è riuscito a diventare un campione in quel momento. Il Fenomeno Ronaldo è riuscito a battere la Germania 0-2 con i suoi due gol.

Nella Coppa del Mondo 2006, il Brasile è riuscito a spazzare via tre partite nella fase a gironi. Hanno rovesciato Croazia, Australia e Giappone con una differenza reti di 7 a 1. Anche negli ottavi di finale, il Brasile ha vinto contro il Ghana. Tuttavia, i passi di Kaka et al. fermato negli ottavi di finale dalla Francia grazie all'unico gol di Henry.

Ostacoli in vista per il campione in carica della Coppa del Mondo
Fonte: www.fifa.com

Ora non ci resta che vedere come procede la Francia nella Coppa del Mondo 2022. Da una prospettiva storica, la Francia ha sperimentato questa maledizione nel 2002. La Francia può spezzare questa maledizione per la seconda volta dopo il Brasile? O anche la Francia seguirà il suo ciclo di 20 anni esattamente ai Mondiali del 2002.

Osserviamo insieme come Mbappe et al. quanto lontano andrà.

Addio!

Related posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *