E se la Catalogna avesse la sua concorrenza

Protesta dei tifosi catalani

Ayosport.com - Continua a risuonare la notizia della fondazione dello stato della Catalogna separato dalla Spagna. Dall'arena calcistica, la speculazione che ha suscitato più fermento è stata la dichiarazione del presidente della LFP (federazione del campionato spagnolo di calcio) qualche tempo fa, Javier Tebas, sulla possibile uscita dei due maggiori club catalani, Barcellona e Espanyol, dal campionato se fosse successo.

Supponendo che ciò possa accadere, diamo solo un'occhiata a come sarà il campionato catalano.

Continua a leggere...

In realtà, se seguiamo ogni anno l'evento della Copa Catalunya, la mappa della forza nella Catalunya League sarà visibile in seguito. La Copa Catalunya è un torneo di calcio a cui partecipano i club sotto gli auspici della FCF (Federazione calcistica catalana).

Il problema è che la FCF non è sotto gli auspici della RFEF (Federazione calcistica spagnola), il che significa che non è nemmeno riconosciuta da Uefa e FIFA. Pertanto, sin dal suo inizio alla fine degli anni '1980, lo status della Copa Catalunya è stato solo un torneo amatoriale.

Poiché hanno partecipato anche grandi club come Espanyol e Barcellona, ​​la Copa Catalunya non è mai stata priva di sponsor e copertura televisiva. Sfortunatamente, a causa del suo status di dilettante, questa competizione è spesso considerata una festa amichevole dal Barcellona.

Quasi ogni anno il Barcellona deve mandare i suoi giocatori di riserva. Forse l'intrattenimento più maestoso di cui hanno goduto gli spettatori della Copa Catalunya è stata la finale del 2012, quando si sono sfidati grandi star come David Villa, Xavi e Pedro Rodriguez.

Ebbene, con la Catalunya League in seguito, la Copa Catalunya potrebbe diventare una competizione di coppa nazionale per accompagnare la sua competizione principale sotto forma di campionato.

Naturalmente, con il formato del campionato, il torneo si svolgerà con un sistema di competizione completo. I partecipanti devono giocare in casa e fuori, diciamo che il campionato spagnolo è nell'ambito della sola regione catalana.

Chi sono i possibili partecipanti alla Lega Catalana? Ci sono ancora molte speculazioni su quali club gareggeranno nel campionato catalano. Tuttavia, se si presume che il campionato sarà seguito da tutti i club esistenti nella regione catalana in questo momento, indipendentemente dalla loro classe o status, la mappatura sarà la seguente:

Naturalmente chiunque conosce Barcellona e Espanyol. Due città rivali che da tempo immemorabile combattono ferocemente antiquato, spesso venato di gelosia dell'Espanyol nei confronti dei club vicini che hanno successo e ricchi.

I due storici club della città di Barcellona hanno vinto anche la Copa Catalunya, con un totale di 14 titoli. Nel dettaglio, il Barcellona ha vinto 8 volte, mentre l'Espanyol ne ha vinte 6. Il Barcellona è sempre rinforzato da giocatori di livello mondiale.

Pertanto, se posso presumere, l'istituzione della Lega catalana avrà un impatto positivo sui risultati dell'Espanyol. Almeno possono esserlo secondo classificato Questo nuovo campionato è sotto il Barcellona: supponendo che il club junior o la squadra di riserva non potranno giocare nella stessa divisione del club principale, il Barcellona B non può essere considerato come partecipante al campionato catalano.

Allo stesso modo con l'Espanyol B. I potenziali partecipanti che attualmente prendono parte alla seconda divisione spagnola sono tre piccoli club che si comportano leggermente meglio dei loro concorrenti locali.Il club classificato come con una vasta base di tifosi è il Girona. Il club è domiciliato a 100 chilometri da Barcellona.

Il Girona è stato quasi promosso per la prima volta in Primera Liga dopo essere arrivato con successo al 4 ° posto in Segunda Division nel 2013, poi ha fallito di nuovo nel 2015 e nel 2016. Inoltre ci sono Reus e Gimnastic Tarragona, due club della Provincia di Tarragona. Questi due club sono abbonamenti su e giù dalla terza casta (Segunda Division B) alla seconda casta (Segunda Division).

Un altro club che ha un discreto numero di tifosi è Sabadell, rappresentante di una città con una popolazione di 200mila abitanti nella stessa regione.

Un altro club è Llagostera, un piccolo club di una città di circa 8 residenti. Llagostera può sembrare familiare ai tifosi di calcio indonesiani, perché un tempo era un campo di allenamento per Evan Dimas.

Nel terzo e quarto livello della competizione calcistica spagnola, i club della regione catalana si sono dispersi. Qui ci sono club in abbonamento di terza casta come Lleida, Badalona, ​​​​Cornella, Sant Andreu e Hospitalet. Il resto sono club semi-amatoriali, come Perelada, Europa, Asco, Rubi e una miriade di altri piccoli club.

Per non parlare del fatto che tracciamo le competizioni regionali in parti remote della Catalunya e incontriamo dozzine di squadre amatoriali. È certo, queste squadre dilettantistiche sono rinforzate solo da uomini che giocano a calcio solo per riempire il loro tempo libero.

Quindi, la domanda è: se la Catalogna è diventata indipendente e il campionato di calcio è stato ufficialmente lanciato da solo e separato dalla Liga, i club catalani sono pronti, più della metà dei quali sono club semiprofessionali e amatoriali?

Sembra che saremo trattati solo per una strana scena in cui Lionel Messi e i suoi amici affrontano avversari con una classe molto al di sotto di loro. E la Lega Catalana è più una festa di beneficenza che una competizione ufficiale.

 

Related posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *