L'esploratore di nome Juan Sebastian Veron

Juan Sebastian Veron
Juan Sebastian Veron

Ayosport.com – Ci devono essere dei calciatori che tifi ancora dopo aver lasciato la tua squadra preferita. Le ragioni possono variare, potrebbe essere perché il giocatore offre prestazioni costantemente grandiose, o forse il giocatore non ha molto talento ma fa uno sforzo extra in ogni partita. Tuttavia, c'è un motivo in più, ovvero i giocatori di talento che non sono in sintonia con il nostro club preferito. Ed è per questo che ammiro così tanto Juan Sebastian Veron.

Veron arriva al Manchester United (MU) con l'abilità di un alieno. Al MU, non molti giocatori con un profilo come lui. Sì, avevano Paul Scholes, che in seguito si è trasformato in uno dei migliori giocatori nella sua posizione. Tuttavia, Veron ha un diverso livello di sensibilità.

Continua a leggere...

C'è una cosa contraddittoria in Veron. Duro, ma anche fragile. Guardando le sue prestazioni in Serie A con Sampdoria, Parma e Lazio, ho assistito a prestazioni che non riuscivo a capire fino in fondo. Non è mai durato più di due stagioni in questi club, ma è stato in grado di diventare immediatamente un punto importante nell'attacco della squadra.

E davvero, che tipo di giocatore è? All'inizio sembra un centrocampista centrale, con le ghette (decker) tipico centrocampista, pieno di grinta e calzettoni arrotolati. A un secondo sguardo lo vedo come un numero 10, soprattutto quando ha fatto coppia con Hernan Crespo al Parma, formando una combinazione pericolosa per l'avversario. Entrambi i giocatori sono stati acquisiti dalla Lazio nella stagione successiva, e sono stati in grado di portare il club romano al secondo titolo di Serie A.

Allora, perché Veron non ha avuto successo all'Old Trafford? Una delle maggiori cause è lo stile di gioco nella Premier League inglese. Durante la sua permanenza al Manchester United, era chiaro che la sua forma migliore fosse arrivata nelle partite di Champions League o contro le migliori squadre della Premier League ad alto livello.

Inoltre, le migliori capacità di Veron sono arrivate quando ha collaborato a centrocampo con Phil Neville, un giocatore che assume un ruolo difensivo a pieno titolo a centrocampo, proprio come Matias Almeyda alla Lazio. Con lo United, Veron doveva spesso sporcarsi i piedi per svolgere compiti difensivi, e questo è ciò che gli ha impedito di mimetizzarsi bene.

Questo è certamente deplorevole, considerando che Veron nel suo periodo migliore era un giocatore così straordinario. È in grado di superare con la precisione e lo stile di Paul Pogba al momento. Inoltre, in pratica, Veron è in grado di competere con Zinedine Zidane come a playmaker il migliore al mondo in quel momento.

Infatti, nel 2003, è riuscito a vincere il campionato con i Red Devils, che potrebbe essere il processo per riabilitare il suo nome. Ricordo che, in un'intervista, ha detto quanto ha sofferto a causa della sua prestazione a Manchester e quanto fosse così deluso di aver deluso i suoi fan. Da quel momento in poi, ho subito sentito che era una persona straordinaria e sono diventato un suo grande fan ovunque andasse.

Sono contento che l'abbia detto, perché mi ha reso più facile capire meglio la sua carriera calcistica e vedere come ha raggiunto la felicità rendendo felici le altre persone. La stessa MU non sarà l'ultima tappa per Veron. Invece, il suo tempo a Manchester è diventato un punto di transito nella sua carriera calcistica, iniziando e finendo nello stesso posto.

Veron può essere paragonato a Ulisse, figura mitologica greca. Ha viaggiato dalla sua casa in Argentina per incontrare molti conflitti, e alla fine è tornato trionfante a casa sua. La storia del calcio di Veron è davvero poetica. Suo padre ha portato l'Estudiantes alla Copa Libertadores nel 1968, e Veron ha fatto lo stesso nel 2009, diventando il miglior giocatore del torneo.

Per Veron, il trofeo significa molto per lui, e prima della finale ha detto che avrebbe scambiato tutti i trofei che ha vinto con il trofeo della Copa Libertadores, quindi questo trionfo è stato il momento clou della sua carriera.

Veron ha giocato per 10 club nei suoi 23 anni di carriera calcistica e, sorprendentemente, ha avuto ancora tempo per giocare all'età di 42 anni. È senza dubbio il viaggiatore di calcio più talentuoso di tutti i tempi. Non vediamo tanti calciatori finire una bella carriera come lui.

Related posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *